Parrocchia Sacra Famiglia in Colombarone – Pesaro

Str. Romagna, 138 – 61121 Colombarone di Pesaro
Telefono: 0721 208246
E-mail: d.federici@fscb.org

Eretta: 15.08.1971
Festa del titolare: 1a domenica dopo Natale
Persone n.: 1000
Parroco: Sac. Daniele Federici

orari messe

Festivo della vigiliaFestivoFeriale
10.007.00 (venerdì) - 18.30 (altri giorni)
Chiesa parrocchiale Sacra Famiglia in Colombarone - Pesaro

dal 15.08.1971

La chiesa parrocchiale della “Sacra Famiglia”, eretta dal Vescovo Mons. Luigi Carlo Borromeo con decreto datato 15 agosto 1971, sorge nei pressi dell’antica “Pieve di S. Cristoforo” detta “ad Aquilam”, recentemente riportata alla luce. I ruderi di questa pieve meritano di essere visitati per ammirare quanto hanno scoperto gli archeologi di Bologna durante gli scavi effettuati negli anni 1983-2008, seguendo quelli già fatti da Annibale Olivieri e da Gian Andrea Lazzarini che aveva lasciata anche una mappa. Seguendo le loro indicazioni, furono individuati un ampio atrium ed un lungo nartece a forcipe, con mosaici pavimentali: non c’è dubbio che si tratti di una basilica, di una pieve e di una villa tardo antica. Accanto a questa sorge la chiesa parrocchiale, di recente costruzione. Il territorio fu stralciato dalla parrocchia dei Santi Apollinare e Cristoforo di Casteldimezzo. Nel 1973 le due parrocchie sono state accorpate e poi con il decreto del 17.06.1986 del Vescovo Gaetano Michetti definitivamente unificate, facendo dell’antica chiesa del santuario del Crocifisso in Casteldimezzo una succursale alla nuova. La dote beneficiaria fu costituita con titoli di Stato. La chiesa e la casa parrocchiale furono costruite in base alla legge Aldisio del 1952. La nuova Parrocchia ha ricevuto il riconoscimento civile con decreto del Presidente della Repubblica il 10 gennaio 1973. Parroco dalla sua istituzione (01.01.1973) fino all’01.09.2009 e di seguito fino all’01.07.2011 Amministratore fu Don Lino Capriotti sotto cui è stata aperta al turismo l’area archeologica di S. Cristoforo ad Aquilam. Lo stesso Parroco ha curato con molto zelo la ex Parrocchia di Sant’Apollinare in Casteldimezzo, (cfr.: Santuario del Crocifisso in Casteldimezzo) valorizzando con depliant gli arredi esistenti al suo interno, in particolare il miracoloso Crocifisso risalente al secolo XV scolpito in legno da Antonio de Bonvesin e dipinto da Iacobello del Fiore e la bella tavola del XV secolo in cui è rappresentata la Madonna con il Bambino fra i Santi Apollinare e Cristoforo attribuita a Francesco Zaganelli detto il Cotignola (1470-1531). 

Dall’01.07.2011 è stato chiamato a reggere la Parrocchia Don Daniele Federici, cui sono affidate anche le Parrocchie di Fiorenzuola di Focara e S. Cassiano in Granarola, rimaste vacanti la prima per essere stato messo a riposo il parroco don Silvano Ricci (18.10.2016) e la seconda per la morte di don Raffaele Mazzoli (24.11.2019).